Incontro équipe GiOC della diocesi del Trivento
Villaggio Shalom (CB), 20 Giugno 2009


Come da programma l'equipe diocesana GiOC della diocesi di Trivento si è incontrata il 20/06/2009 alle ore 9:00 inizialmente insieme al Vescovo della Diocesi di Trivento, Mons. Don Domenico Scotti e poi presso il Villaggio Shalom .

 

Sabato mattina: Emanuela Bucci, Federica Perretta e Fabio Sciartilli hanno incontrato il Vescovo mentre Luigi Fantini e Martina, una nuova componente dell'equipe, li avrebbero raggiunti al Villaggio Shalom .

 

L'incontro con il Vescovo è stato importante perché innanzitutto l'equipe ha voglia di condividere le proprie esperienze all'interno della diocesi, di programmare le iniziative future cercando obiettivi comuni e di continuare il “lavoro di rete”.

 

Durante questo incontro Emanuela ha ricordato il Congresso di Imola, Federica ha descritto il “Focus Group” mentre Fabio ha riassunto la giornata sull'incontro-dibattito dal tema “Una festa del 1° maggio anche in Molise?”.

L'obiettivo comune è proprio quello di continuare il lavoro di rete, quindi cercare maggiore collaborazione con il Progetto Policoro e l'Azione Cattolica.

L'equipe GiOC ha ricordato le iniziative dei campi scuola che partiranno già da quest'anno e il Vescovo è rimasto entusiasta di questo; inoltre ci ha indicato di contattare i sacerdoti delle nostre parrocchie.

La volontà in diocesi è quella di far partire un progetto che arrivi all'apertura di una cooperativa.

 

Finito l'incontro con il Vescovo abbiamo fatto meta verso il Villaggio Shalom dove Paolo e Michelle ci aspettavano!

Lì abbiamo avuto modo di fare un punto sulla situazione ovvero quello di condividere le parole del Vescovo, Luigi Fantini ci ha riassunto le giornate di Bologna, ci ha portato i saluti di Don Giacomo e Susanna, abbiamo programmato i due campi scuola, che si terranno per i ragazzi del biennio ad Atessa nel convento di san Pasquale  e  per quelli del triennio a L'Aquila, e poi abbiamo fatto il “Focus Group” in cui è emerso la difficoltà di trovare un lavoro gratificante.

Vista la situazione economica-finanziaria, in questo periodo risulta quasi impossibile trovare un lavoro che sa far emergere le proprie qualità e allo stesso tempo essere ben retribuito o trovare un posto di lavoro dove poter sviluppare o esprimere le proprie competenze ottenute dopo un percorso di diploma o di laurea.

Le istituzioni devono interessarsi di più ai giovani e devono costruire nuove opportunità di lavoro.

 

 

 

Fabio Sciartilli

Notizia inserita o aggiornata il 02/07/2009. Letta 968 volte.

 

Torna ad inizio pagina
Torna su