Quaderno attivo n. 1

Immagine notizia


Da sempre l'Educazione è il modo della GiOC di stare dentro la storia.
Educare è per ogni epoca ed ogni società una sfida fondamentale: per esercitare un’influenza sul modo di essere, di pensare, di agire che parte dalle persone e si apre alla società. costruire un “ponte" tra ciò che una persona, una comunità, una società sono e ciò che potrebbero diventare.

Educare è restituire ad altri ciò che di bello e grande abbiamo ricevuto e scoperto, è fare partecipi altri di chi siamo e su cosa stiamo scommettendo la nostra vita.
Educare è, per chi crede, riconoscere in Gesù Cristo l’uomo nuovo, un riferimento che traccia la strada, che indica uno stile, che libera le potenzialità più belle e più alte di ogni uomo.

La GiOC, come ogni esperienza educativa, è continuamente chiamata a fare i conti con i cambiamenti posti dal contesto e dalle nuove generazioni, a ridefinire e ripensare la propria proposta mantenendo la fedeltà ai giovani lavoratori e al Vangelo.
All’interno di questo orizzonte abbiamo avviato, in questi ultimi anni, un percorso di revisione del progetto educativo, nel tentativo di ridefinire e ripensare l’impegno quotidiano con i giovani lavoratori e popolari.

Il presente Quaderno è il primo frutto di questo percorso di revisione, è pensato come uno strumento agile rivolto a giovani ed educatori che vogliono intraprendere percorsi educativi e di evangelizzazione da, con e per altri giovani.
Il Quaderno presenta, in termini essenziali e snelli, il progetto educativo della GiOC fornendo strumenti concreti e interattivi per supportare i responsabili nella progettazione di percorsi personali e di gruppo. Un itinerario in cui il punto di partenza non sono nozioni, principi o verità da insegnare, ma la realtà concreta dei giovani, la loro vita quotidiana fatta di lavoro, studio, famiglia, divertimento, vita affettiva, valorizzando ciò che di buono e di bello già esiste, assumendo le contraddizioni e i limiti, suscitando atteggiamenti di ricerca e di cambiamento. Nella consapevolezza della complessità della realtà in cui siamo inseriti e in cui si colloca l’azione educativa, la proposta della GiOC prende forma attraverso un processo dinamico, progettato sulla situazione concreta delle persone. Tramite obiettivi intermedi e tappe educative mira a formare una persona a tutto tondo, un giovane maturo e responsabile della propria esistenza e di quella degli altri, protagonista in ogni ambiente di vita.
Per dare concretezza ai fondamenti teorici, in ogni capitolo sono presentati strumenti, metodi ed esperienze che provengono dalla prassi, dalla creatività e dall’impegno quotidiano di generazioni di responsabili di gruppo e militanti della GiOC che in questi anni si sono spesi nell’educazione e nell’evangelizzazione dei giovani lavoratori e popolari.

Questo Quaderno è dedicato a tutti i giovani lavoratori e popolari che hanno fatto un percorso di liberazione ed emancipazione, cercando un senso alla propria vita, scoprendo di avere qualcosa da dire e da dare per se stessi e per la società, riscoprendosi educatori ed evangelizzatori dei propri coetanei.
A tutti quei giovani che sono stati trasformati dall’incontro con i giovani lavoratori e popolari e, immergendosi nella loro vita, si sono appassionati e messi in cammino con loro.
A tutti coloro che credono in una proposta che, dando valore ad ogni volto, dando spazio e fiducia ai penultimi di ogni storia,sappia raggiungere e scegliere tutti. A tutti loro, esploratori di strade nuove, ricercatori di senso, va il nostro grazie e il nostro impegno. Insieme.

Per maggiori informazioni d.melacarne@gioc.org


indice

Notizia inserita o aggiornata il 12/01/2008. Letta 11799 volte.

 

Torna ad inizio pagina
Torna su