Documento sull'estensione


L’estensione per la Gi.O.C. rappresenta il cuore della propria esperienza, l’esperienza di un movimento nazionale, che si concretizza e si realizza pienamente a partire dalle realtà locali.

Per questa ragione, la Commissione Estensione Nazionale sta rielaborando il compito educativo del responsabile in estensione, ponendo l’accento, come sempre, sulle caratteristiche locali dei tre coordinamenti Nord Centro e Sud, tenendo conto delle differenze territoriali, valorizzandole e collegandole per un progetto globale, e quindi nazionale.

In questo ultimo anno la Commissione Estensione ha portato avanti il suo lavoro, riflettendo ed progettando in particolare sulla promozione della Gi.O.C. nelle varie realtà: come proporla nei contesti nuovi, come stimolare il bisogno e l’esigenza dell’esperienza, valorizzando quello che già c’è, come accompagnare le zone che fanno più fatica, e come sostenere quelle più strutturate.

Una proposta, quindi, che nasce dalle esigenze reali delle realtà incontrate, e che sia una risposta a “misura di militante." Una riflessione importante da fare, ed un’attenzione da tenere sempre ben presente, è concepire l’estensione come espressione piena della nostra vocazione e missione, in quanto giocisti, in quanto militanti.
Per questa ragione, non può riguardare solo i permanenti in estensione che fanno parte della commissione, ma dovrebbe coinvolgere ed interessare anche tutti i permanenti nazionali, i responsabili delle zone, i militanti, gli assistenti, gli adulti, i soggetti ( giovani, adulti, preti, professori) e le associazioni con le quali collaboriamo, e sono interessati al nostro progetto educativo e di evangelizzazione.

Tutte le zone e tutti noi militanti dovremmo sentirci sempre in estensione, con l’attenzione di non strafare e di non appesantire i nostri impegni, ma con la consapevolezza che quello a cui la Gi.O.C. ci chiama è l’assunzione di uno stile di vita, che si concretizza attraverso la nostra militanza negli ambienti da noi frequentati quotidianamente.
Costruire la Gi.O.C. nazionale, allora, diventa davvero un progetto che si può realizzare attraverso un impegno comune di tutti giovani che ne fanno parte, dal Sud al Centro e al Nord; l’estensione, così intesa, non sarà quindi, solo un qualcosa che deve interessare la commissione estensione e/o i permanenti che ne fanno parte.

L’impegno nella Gi.O.C. è un percorso educativo che si rispecchia nella capacità organizzativa e nella piena autonomia. Un obiettivo che vorremmo raggiungere, con questo documento, è stimolare la Gi.O.C. ad essere esperienza di Missione, un’esperienza che interroga e coinvolge tutti, nell’incontrare i giovani sul posto di lavoro, a scuola, sul territorio e costruire insieme un percorso di liberazione, capace di far esprimere i doni che ognuno ha dentro, nella piena responsabilità e nel protagonismo attivo. Inoltre si proverà ad elaborare alcuni orientamenti che possono guidare chi vuole promuovere e proporre la Gi.O.C.

Presentazione documento nelle sue parti
Il primo capitolo sarà dedicato all’estensione oggi, il senso e il significato nel contesto odierno.
Il capitolo secondo evidenzierà il cuore della Gi.O.C., la Missione: l’attenzione a cogliere il bisogno di fare esperienze significative capaci di offrire ai giovani un prezioso cammino di liberazione.
Nel terzo e quarto capitolo si proveranno ad offrire degli esempi concreti, per orientare chi fa estensione:
1) Dai primi contatti ad una proposta di zona
2) Da una zona strutturata ad una proposta di estensione (Come le zone già avviate possono proporre la Gi.O.C. alle realtà vicine attraverso l’impegno dei militanti)
3) Proposte/esempi concreti su come poter proporre la Gi.O.C. negli ambienti.


Documenti
Documento sull'estensione
Documento frutto dell'elaborazione della commissione estensione, illustra come compiere piccoli passi verso i giovani del mondo del lavoro per costruire un movimento nazionale che si realizza pienamente a partire dalle realtà locali.

Notizia inserita o aggiornata il 03/01/2008. Letta 1348 volte.

 

Torna ad inizio pagina
Torna su