Diritti che parlano:
parte la campagna di sensibilizzazione
Torino, da Aprile 2005


Parte a Torino la campagna di sensibilizzazione sui diritti dei lavoratori nelle piantagioni di banane, lanciata a livello nazionale da Ctm altromercato, consorzio di botteghe del mondo e maggiore organizzazione italiana di commercio equo e solidale.

La cooperativa sociale Mondo Nuovo organizza la campagna in Torino in collaborazione con la GiOC [Gioventù Operaia Cristiana].
La campagna sarà lanciata in città il 12 aprile in presenza di Anita Mercedes Aviles Illescas, rappresentante della Associaciòn de Pequeños Productores El Guabo [Ecuador] che produce le banane altromercato.
Seguiranno eventi in piazza in tutto il mese di maggio [ calendario eventi www.mondo-nuovo.it ]

Il primo maggio in piazza Carignano a Torino, in occasione della festa dei lavoratori, sarà allestito uno stand sulla campagna "diritti che parlano" in collaborazione con la GiOC. [ win.gioc.org ].

Il 7 e 8 maggio, giornata nazionale dedicata alla campagna, vi saranno iniziative in Provincia di Torino e in Piemonte a cura di tutte le cooperative e associazioni socie di Ctm altromercato. [info: www.altromercato.it ]


> perché una campagna sulle banane
La banana, uno dei frutti più amati e più diffusi fra le famiglie occidentali, viene prodotta ed importata in contesti spesso sconosciuti alla maggior parte dei cittadini. La banana è un prodotto simbolo perché protagonista di storie di sfruttamento e violazione dei diritti umani nelle piantagioni in America Latina, di soprusi sull’ambiente, di uso incontrollato di sostanze chimiche a danno dei braccianti e dei consumatori. Un prodotto che muove miliardi di dollari sulla scena internazionale, un settore di mercato controllato da poche imprese: soltanto 5 gruppi multinazionali si spartiscono quasi il 90% del mercato mondiale delle banane.

Esiste un'alternativa?
In un mercato apparentemente saturo, 10 anni fa poteva sembrare impossibile trovare spazi per un’alternativa. Ma fortunatamente i fatti hanno smentito gli scetticismi iniziali: si pensi ad Agrofair Europe, importatore e distributore di frutta fresca tropicale esclusivamente del commercio equo e solidale, che dal 1997 [1° anno di attività: 8 milioni di euro di fatturato] ad oggi ha avuto una crescita continua e che sta letteralmente “prendendo il volo”. Se il fatturato del 2003 è stato di 25 milioni di euro, quello del 2004 si avvicina ai 40 milioni di euro!

Anche in Italia i risultati lasciano spazio a grandi speranze. L’importazione di banane altromercato [tramite Agrofair Europe] è iniziata nel 2000 e si è inserita in questi anni in canali differenti, con successo crescente: la vendita attraverso le botteghe del commercio equo e solidale [in aumento nonostante le difficoltà legate alla vendita di un prodotto fresco in un punto vendita non specializzato in questo settore], la commercializzazione in alcune catene di grande distribuzione [che ha permesso di raggiungere i numeri necessari all’avviamento del settore stesso] e la ristorazione collettiva, resa possibile dal coinvolgimento diretto di numerose amministrazioni pubbliche che hanno scelto di privilegiare i prodotti equosolidali nelle mense scolastiche di numerose città.
Oggi 280.000 studenti italiani consumano le banane equosolidali nelle mense scolastiche.


> informazioni per il pubblico:
Cooperativa mondo nuovo
tel. 011 4371916
www.mondo-nuovo.it
[per cortesia indicare anche il sito internet fra i riferimenti, grazie]


> informazioni per la stampa:
Cooperativa Mondo Nuovo
Silvia Bergamo - uff. 011 4371916 - cell. 347 5360961 - comunicazione@mondo-nuovo.it

Associazione Gi.O.C. Gioventù Operaia Cristiana
Maurizio De Conti, Carmelina Gaito - tel. 011 541806 - m.deconti@gioc.org - c.gaito@gioc.org

Notizia inserita o aggiornata il 20/04/2005. Letta 1905 volte.

 

Torna ad inizio pagina
Torna su